ARCHIPLANO

L' Archiblenda ha un motore di treno al molibdeno giuntato con cernierinicci corti a gomito buam tun tun buam tun tun buam buam tun tun la parte terminale è un ossoplente a legno dai pistoncini di vetro-brivido brasato striii striii striii diii striii sulla biella torsionata si cancangia un sensore biometalla fischiante prinpron prinpron prinpron
L'Archipicchio invece in blocco sta in collo allo scapicchio con due ferri avvitati alla camera di scoppio damdumdum damdumdum dumdum se lo scuoti il pulsante clanga perchè s'è rotto l'attormizzatore praclangclang praclangclang pran sul di dietro la vernice cade a spacchi ed il vento fa brillare i cacciacicci vac-chivac-chivac-vac Insieme fanno un Archiplano straordinario dalla linea turbolesta e perforante prahi calè prahi calè olè la tastiera dei comandi è a schermo liquido informale lucida di zarzo penta-biflettente digitale sgisà sgisà sat il portello meccanato rapido spantana e senza il minimo ronzio s'olìa nel mezzo tran tran tran
E l'Archiplano assemblato straordinario cascavola come un chirottero o una palla se in giù va digrignando appicca lo schedario sui capelli invece slitta con un grido di battaglia di ferraglia
E da ultimo inghiotte un razzo centenario
ruttando come un vero faccitalia
ruttando come rutta la plebaglia!

ACCIPICCHIA!

ACCIPICCHIA, CHE SGARGIANTE LA CREATURA VOLPARLANTE DI ARCHIPLANO! MEZZO UCCELLO ALLA DEPERO MEZZO DRONE LEONARDIANO. BLU E ROSSO ROMBA A TERRA, TWITTA IN CIELO COI VOLANTI FUTURISTI, CON LE MACCHINE CONIGLIE CHE FAN FIGLI. INFORNATE DI PAROLE, FILASTROCCHE PITTURATE, STRAMPALATE, NATE STRANE. ARCHIBLENDA! BIOMETALLA! TURBOLESTO, PERFORANTE COME BECCA, COME PICCHIA L'ARCHIPICCHIO DI ARCHIPLANO!

(Franco Canavesio 12 gennaio 2016)


venerdì 4 aprile 2014

ESCURSIONE DI GRUPPO A SUPERGA

“CI SIAMO TUTTI?”
“...l'ho rivista due settimane fa...”
“...che bella luce questa mattina...”
“...ciao, io sono Mariangela e lui è Alberto, mio marito...”
“...io di solito uso due cipolle...”
“...questo fiore che vedi è la pervinca...”
“LUCA STAI TU PER ULTIMO?”
“...non te lo consiglio, è veramente un brutto film...”
“...mi stava proprio bene, anche il colore mi piaceva...”
“...guarda quante viole, è proprio...”
“...quando mia figlia torna a casa da scuola...”
“...le ho pagate pochissimo, è un banco che conosco...”
“ATTENZIONE, MACCHINA!”
“...torniamo prima, alle cinque c'è il battesimo...”
“...alla fine l'ho comprata, uguale alla tua...”
“...mio papà non fumava e non voleva che noi...”
“...accidenti, la strada è franata...”
“...non vado mai lì a fare la spesa...”
“FORZA, TUTTI IN GRUPPO PER LA FOTO!”
“...stamattina non ho fatto colazione...”
“...quanto ti costa l'abbonamento per un anno?”
“...insomma, non esiste una teoria che unifichi il tutto...”
“...guarda, tanto tu non puoi farci niente...”
“...ho fatto anch'io l'influenza, mi è durata una settimana...”
“MANCA ANCORA MOLTO ALL'ARRIVO?”
“...diciamo che un aiuto da parte degli arbitri c'è sempre...”
“...che carina questa chiesetta...”
“...oh, anch'io, ogni volta che devo fare il cambio armadi...”
“...impossibile perdersi, il sentiero è segnato...”
“...certo che poteva essere un po' più gentile...”
“SI FA UNA PICCOLA SOSTA”
“...sapessi come ci sono rimasta male...”
“...vai pure avanti, ti raggiungo, devo...”
“...ma capisci? è fatto così...”
“...sì, li ho visti anch'io l'altra sera in televisione...”
“...mi sarebbe piaciuto continuare, ma il problema...”
“DOBBIAMO FARE UNA DEVIAZIONE”
“...guarda che scarpe ho comprato...”
“...mettiti nei miei panni, tu cosa avresti fatto?”
“...poi il sentiero s'inoltra nel bosco...”
“...no, la situazione non è proprio in questi termini...”
“...ora dammi la mano, così, attenta al ramo...”
“ATTENZIONE, BICI!”
“...non dice mai se viene, poi se ne va per i fatti suoi...”
“...mi è capitato una volta sola e mi è bastato..."
“...non è il caso, c'è poco fango sul sentiero...”
“...ma quello chi è? non lo conosco...”
“...che scomodo, sei sempre obbligato a  usare la macchina...”
“CHI VUOLE UN PEZZO DI CIOCCOLATO?”
“...mi sembrava che fosse lui...”
“...questa mattina il cielo non prometteva nulla di...”
“...oggi fa molto caldo... e siamo solo a fine marzo...”
“...hai chiamato la mamma per dire che tardiamo?”
“...allora ciao, alla prossima...”





1 commento: