ARCHIPLANO

L' Archiblenda ha un motore di treno al molibdeno giuntato con cernierinicci corti a gomito buam tun tun buam tun tun buam buam tun tun la parte terminale è un ossoplente a legno dai pistoncini di vetro-brivido brasato striii striii striii diii striii sulla biella torsionata si cancangia un sensore biometalla fischiante prinpron prinpron prinpron
L'Archipicchio invece in blocco sta in collo allo scapicchio con due ferri avvitati alla camera di scoppio damdumdum damdumdum dumdum se lo scuoti il pulsante clanga perchè s'è rotto l'attormizzatore praclangclang praclangclang pran sul di dietro la vernice cade a spacchi ed il vento fa brillare i cacciacicci vac-chivac-chivac-vac Insieme fanno un Archiplano straordinario dalla linea turbolesta e perforante prahi calè prahi calè olè la tastiera dei comandi è a schermo liquido informale lucida di zarzo penta-biflettente digitale sgisà sgisà sat il portello meccanato rapido spantana e senza il minimo ronzio s'olìa nel mezzo tran tran tran
E l'Archiplano assemblato straordinario cascavola come un chirottero o una palla se in giù va digrignando appicca lo schedario sui capelli invece slitta con un grido di battaglia di ferraglia
E da ultimo inghiotte un razzo centenario
ruttando come un vero faccitalia
ruttando come rutta la plebaglia!

(Archiplano, 1981)

ACCIPICCHIA!

ACCIPICCHIA, CHE SGARGIANTE LA CREATURA VOLPARLANTE DI ARCHIPLANO! MEZZO UCCELLO ALLA DEPERO MEZZO DRONE LEONARDIANO. BLU E ROSSO ROMBA A TERRA, TWITTA IN CIELO COI VOLANTI FUTURISTI, CON LE MACCHINE CONIGLIE CHE FAN FIGLI. INFORNATE DI PAROLE, FILASTROCCHE PITTURATE, STRAMPALATE, NATE STRANE. ARCHIBLENDA! BIOMETALLA! TURBOLESTO, PERFORANTE COME BECCA, COME PICCHIA L'ARCHIPICCHIO DI ARCHIPLANO!

(Franco Canavesio 12 gennaio 2016)


sabato 14 aprile 2018

LE POESIE

l'ingenua poesia dell'anno scorso
l'ho quasi del tutto dimenticata
so che a te era dedicata
altro non so, non la trovo più

quella poesia che ho invano rincorso
mentre sgusciava via come un sapone
o una buccia di banana o un elettrone
dov'è andata? l'hai presa tu?

quella poesia che pareva un discorso
l'avevo scritta su un pezzo di carta
che tenevo in tasca, poi va a sapere
come l'ho persa, non ce l'ho più

la severa poesia del rimorso
la scrissi per me, son fatto così
ma il tempo che corre accumula gli alibi
ora il dolore non mi serve più

e poi la poesia che parlava d'amore,
come faceva? era leggera,
un soffio di vento era, e rideva,
e questo segreto lo sai solo tu

la poesia che scriverò tra un anno
come sarà non posso saperlo
ma che sarà preziosa come un dono
questo lo so, e non chiedo di più






domenica 4 marzo 2018

26 FEBBRAIO (PROFUGHI)


già il giorno dopo
quando fu chiaro l'epico
-e in fondo inatteso-
trionfo elettorale del PPP
(Partito del Presidente Perfetto)
si formarono lunghe code
ai valichi di confine
a Ventimiglia Chiasso e Gorizia

la Gendarmerie
allestì un campo profughi a Mentone
i doganieri elvetici ebbero istruzione
di accettare solo i correntisti di banche svizzere
ai poliziotti sloveni non pareva vero
di poter bastonare gli italiani
perché stessero in fila ordinatamente
durante la distribuzione dei pasti

i profughi erano fuggiti
così com'erano
con l'indumento
che avevano indosso
nel momento in cui nella notte l'Eletto
intervistato in televisione
a commento della vittoria
con il suo largo sorriso da caimano
aveva dichiarato di sapere
nomi e cognomi di chi non l'aveva votato
e di avere pertanto
quale capo del PPP
(Partito del Potere per il Potere)
un solo ed unico dovere:
convertirli per il bene della Nazione
ad amarlo come Lui li amava
senza riserve senza distinzione
è l'Italia intera che lo chiede!
disse, guardando nell'occhio
della telecamera
mentre alle sue spalle
il tripudio popolare era alle stelle
e nelle piazze stracolme di folla esultante
sventolavano le bandiere
del PPP (Partito della Pizza e delle Puttane)

a migliaia dunque
udito questo
saltarono in macchina
partendo in sgommata
famiglie intere
nonni e bimbi in fasce compresi,
cognati cugini prozii e affini

i campi profughi
presto si sovraffollarono
di piemontesi liguri e friulani
molti toscani ed emiliani
tutti subito bollati in patria
indistintamente come antitaliani

mentre gli altri troppo lontani
dalle frontiere
i laziali i marchigiani i pugliesi
i sardi gli umbri i lucani
perfino i campani ed i siciliani
non sfuggirono al veleno subdolo del PPP
(Partito del Presidente Profugo)
diventando vittime del Vittimista per eccellenza

-triste ma in fondo giusto destino
di un popolo
(come scrisse il Financial Times)
che per vent'anni almeno
aveva idolatrato la religione del cretino

nei campi profughi giravano
voci incontrollate di rastrellamenti furiosi
in Sicilia, in Calabria, in Campania
di gente strappata a forza dalle proprie case
dai nuovissimi reparti paramilitari
con le mostrine della mafia sulla divisa
di gente portata in caserme
lontane da occhi indiscreti
di gente torturata selvaggiamente
con i filmati della campagna elettorale
del PPP (Partito dei Palazzinari Piduisti)
e altri percossi coi pugni di ferro
delle promesse mancate
e altri sottoposti al lieboarding
una pratica affine al waterboarding
dove invece dell'acqua
si usano le menzogne del Capo
apertamente dichiarate
e consapevolmente ripetute

si tratta di torture proibite in tutto il mondo
in quanto trattamenti inumani
idonei a far perdere il lume della ragione
e la dignità personale
degradando le vittime al livello animale
cani fedeli solo al loro padrone

intanto nei campi in Francia Svizzera e Slovenia
gli italiani fuoriusciti languivano senza futuro
in condizioni igieniche precarie
(non c'erano vasche per gli idromassaggi)
a rischio epidemie
(erano disponibili solo farmaci generici, non quelli griffati)
senza biancheria di ricambio
(i rifornimenti di canottiere
si rivelarono ben presto
drammaticamente insufficienti)
senza cibo adeguato
(il nuovo Governo del PPP
Partito del Prosciutto Popolare
vietò l'esportazione del culatello)

era troppo!

di fronte a tali deliberate crudeltà
un moto di commozione
traversò l'Europa tutta
i reportages dei giornalisti anglosassoni
che descrivevano questa nuova tragedia collettiva
nel cuore del Vecchio Continente
si candidavano al premio Pulitzer
le ONG si prodigavano come potevano
fecero il giro del mondo
le immagini dei poveri italiani
precariamente attendati
privi degli amati ipad iphone tablet notebook
spesso anche di un semplice telefono cellulare
(buono solo per telefonare)
privi di connessione Internet
e della possibilità di accedere a facebook
e di twittare il loro stato ogni mattina
l'Unicef si fece promotore
di una grande gara di solidarietà
un sms per donare un cellulare
ai poveri bambini italiani!

è sufficiente un euro per portare
un modesto televisore da diciannove pollici
a migliaia di italiani espatriati
al fine di alleviare le crisi di astinenza
la sindrome di abbandono
che li sta lentamente uccidendo
ma bisogna fare presto
non c'è rimasto molto tempo
fra pochi mesi sarà estate
sarà periodo di vacanze
e come faranno i poveri italiani
se non potranno
andare almeno quindici giorni al mare?





venerdì 2 marzo 2018

STELLE E DIRITTI


la Galassia contiene migliaia di stelle
ogni giorno ne vengono scoperte di nuove
la Costituzione tutela migliaia di diritti
ogni giorno se ne aggiunge uno nuovo

le stelle sono visibili in cielo
stampate nella trama del Cosmo
i diritti sono visibili sulla carta
stampati nel testo della Legge


la Propulsione oggi a disposizione
non consente di raggiungere le stelle
la Giustizia oggi a disposizione
non consente di tutelare i diritti

Stelle e Diritti
che strana comunanza

splendenti di luce propria
pressoché irraggiungibili




martedì 27 febbraio 2018

PAPIRO DI NEKO

(frammento in scrittura demotica su papiro ritrovato a Tebe, XIX dinastia – ipotesi di traduzione e note del prof. Hermann Stroeglem, Università di Berlino, 1938)

(…)
Qui, sulle rive ubertose del Nilo,
dove il papiro alligna in verde asilo,
è invalsa l'assai nobile usanza
di farsi inumare, (...)
a imitazion del Faraon Ramesso1,
insieme alle proprie cose più care,
tutte stipate in una stanza.
Ciò comporta scavare grandi sale,
per poi celarne all'esterno l'ingresso
con cura maniacale, (…)
onde impedire, come già successo,
ai ladri di introdursi e di razziare
ogni oggetto che ivi è stato messo
al solo fin di dar conforto al morto
e accompagnarlo nel suo lungo viaggio
che niun conosce, né villan né saggio (…)

Ebben, mi dico, se lo fanno tutti,
perché non farlo anch'io che ne son degno?
Con le ricchezze, i redditi2 e i frutti
negli anni accumulati con impegno
nell'onorata profession di scriba
leguleio3 e esperto di cavilli4
farommi costruir in quel di Tebe
un'ampia tomba da arredar con billy5
ove ammassare gli oggetti a me cari:
la sitroen6, con cui girai l'Egitto,
l'Alto e il Basso, e l'Etiopia fino ai mari,
la chitarra7, compagna senza pari,
e poi ogni mio amato manoscritto,
e i miei libri, perché nel lungo viaggio
avrò il tempo di leggere un bel saggio

(...)

_______________________________________________ 
1   Il riferimento pù probabile è al Faraone Ramesse II
2   La parola “shtar” (tradotta con “redditi”), del testo originale, deriva dall'antica radice “shr”, che sembra significare “consegna di mandrie di armenti”
3   Gli “scribi legulei” erano dignitari che si assumevano l'incarico di redigere i testi delle petizioni, individuali o collettive, indirizzate al Faraone e presentate nei Tribunali di Tebe, Menfi, Luxor, Amarna e Assuan.
4   Sembra che i “cavilli” fossero sofismi dialettici ai quali ricorrevano gli scribi legulei per ottenere l'accoglimento delle proprie petizioni
5   Il riferimento è oscuro: probabilmente si riferisce a una sorta di arredo ligneo all'epoca molto comune, adatto a riporre qualunque oggetto ritenuto ragguardevole. Purtroppo la natura del materiale con cui i “billy” erano realizzati non ne ha consentito la conservazione ai giorni nostri. Da un'iscrizione trovata in una tomba di Saqqara sappiamo che i “billy” erano preferibilmente di colore bianco.
6   Anche in questo passo il riferimento è oscuro. E' l'unico documento noto in cui si parla di questo misterioso oggetto definito, con sostantivo femminile, “la sitroen” (o citroen, con una traslitterazione in “c”, secondo alcuni studiosi giustificata dall'utilizzo nel manoscritto del carattere demotico zh). Probabilmente trattavasi di cocchio o carro usato per lunghi spostamenti.
7   La radice della parola “kitr”(qui tradotta con il termine “chitarra”) significa “corda tesa che emette suono”.

8   Il riferimento più probabile è al Libro delle Preghiere, o Libro dei Morti, supponendo una traslitterazione di significato della parola “saggio” (originale demotico “fayzzeh”, dalla radice “yz”, radice); la saggistica, come viene modernamente intesa, non era infatti praticata nell'Antico Egitto.










sabato 24 febbraio 2018

L'AMMASSAMENTO DELLE PERSONE SOLE

ecco, ci hanno radunato tutti in questa sala
siamo tanti, tantissimi, e la sala, benché sia di grandi dimensioni, non riesce a contenerci tutti
perché siamo qui?
nessuno se lo sa spiegare
non è per ragioni di genere
qui siamo maschi e femmine insieme – e più o meno nella stessa proporzione
non è nemmeno per motivi di età
- qui ci sono giovani e vecchi – e più o meno in numero eguale
e allora?
forse siamo tutti mancini? o tutti biondi? o tutti alti? o tutti grassi?
ma basta guardarsi intorno per capire che non è questo il motivo

poi qualcuno capisce

ciò che ci unisce è la solitudine,
siamo tutte persone sole,
no, ce n'è uno più in là che sta protestando
ehi! io non sono affatto solo, ho una moglie, ho dei figli, c'è un errore, fatemi uscire!
uno di quelli che gli stanno più vicini lo rimbecca duramente:
ma taci, per favore, che l'ultima volta che hai parlato con tua moglie e i tuoi figli risale a più di un anno fa! sono meno solo io che non ho nessuno!
e l'altro borbotta ancora un po', ma non replica

intanto continua ad affluire gente
la sala è grande, ma non abbastanza, a quanto pare, da contenerci tutti
così dobbiamo stringerci, stringerci sempre di più, sempre di più, gli uni addosso agli altri
pur continuando a essere soli, siamo costretti a toccarci
questo contatto forzato con i nostri vicini non ci fa sentire meno soli
che ne sarà di noi? gemono in tanti
dove ci manderanno?
e non c'è risposta a queste domande che ci facciamo tutti
non c'è consolazione in questo stare forzatamente tutti insieme
siamo soli e nessuno è capace di aiutare
e nemmeno di collaborare” contrattacca una voce
qualcuno parla agli altri
pur continuando a restare solo
sono solo comunicazioni di servizio, di buona educazione, non ancora smarrita in questa babele di confusione, grazie, scusi, mi sa indicare il bagno per favore,
e davanti al bagno, dove è assiepata una lunga fila che aspetta di entrare, “chi è l'ultimo per favore
sono le parole delle persone sole
le parole di chi è incapace di comunicare l'universo che coltiva nel cuore

qualcuno scherza
quanti siamo! ma fuori ci sarà ancora rimasto qualcuno?
gli rispondono voci isolate di persone sole: non credo!
e: chi lo sa!
e: no, siamo tutti qui, fuori non è rimasto nessuno!
si apre una discussione:
vuoi dire che non ci sono esseri umani che non siano soli?

ma la maggior parte di noi resta in silenzio
è già stufa di tutta questa promiscuità, odori estranei, sudorazioni insopportabili e flatulenze, è già stufa di tutti questi estranei, parlare di sé è faticoso, ma ascoltare gli altri che parlano di sé è sovrumano, pochi ci riescono, e anche quelli smettono quando si accorgono che non c'è alcun ascolto verso di loro

scende il silenzio come una colla che chiude le labbra e impasta le lingue
è l'unica cosa che le persone sole sanno condividere con gli altri
restiamo in attesa
prima o poi qualcuno ci dirà
il motivo di questo ammassamento



mercoledì 21 febbraio 2018

LA BLATTA DA PASSEGGIO

Federica è triste, ieri ha perso la sua blatta da passeggio
l'aveva accompagnata nel prato alla festa dei vecchi amichetti delle medie, ma s'è distratta per un attimo a parlare e quando s'è girata non l'ha più vista
l'ha cercata a lungo e chiamata
a ogni formica, coleottero o verme che incontrava Federica chiedeva se per caso avessero visto una blatta con il carapace nero lucido
e quelli forse la guardavano straniti, pensando che non s'è mai vista una blatta con il carapace lilla o arancio, e che colore poteva avere il carapace di una blatta se non il nero, e comunque no, non l'avevano vista
e Federica intanto aggiungeva che la sua blatta si chiamava Marsia e indossava una pettorina verde fosforescente seminuova e targhetta con nome e numero di telefono
e le mantidi, i coleotteri e le mosche sembravano guardare Federica mentre lei parlava, e invece chissà cosa stavano guardando con i loro occhi sfaccettati, anche con Marsia era così,
e intanto scuotevano la testa, le antenne, le chele, i ventri pelosi, i dorsi umidi, rassicurandola gentili che se avessero visto Marsia le avrebbero telefonato, me che ora se ne stesse tranquilla e tornasse a casa
a casa Federica ha preso cinque francobolli, li ha divisi in quattro parti e su ogni quarto ha incollato un avviso di smarrimento, poi è scesa ad attaccarli sugli steli delle pannocchie e sui rami degli arbusti terragni del suo quartiere

negli avvisi Federica ha inserito una foto recente di Marsia con la pettorina verde fosforescente e il suo numero di telefono
ha scritto anche: lauta ricompensa a chi ritroverà la mia blatta da passeggio 
purtroppo Marsia ad oggi non è ancora stata ritrovata e Federica non può fare a meno di pensare al peggio 
per consolarsi però Federica pensa alle storie commoventi che leggeva da ragazzina su Selezione dal Reader's Digest, di blatte arrivate alla porta di casa dopo avere percorso cento chilometri sotto un sole rovente... e ormai, a casa, nessuno le aspettava più
poi, all'improvviso, Federica si rasserena pensando a come tornerebbe felice la sua vita se in quel momento Marsia uscisse con la pettorina verde fosforescente dal lavandino della cucina