ARCHIPLANO

L' Archiblenda ha un motore di treno al molibdeno giuntato con cernierinicci corti a gomito buam tun tun buam tun tun buam buam tun tun la parte terminale è un ossoplente a legno dai pistoncini di vetro-brivido brasato striii striii striii diii striii sulla biella torsionata si cancangia un sensore biometalla fischiante prinpron prinpron prinpron
L'Archipicchio invece in blocco sta in collo allo scapicchio con due ferri avvitati alla camera di scoppio damdumdum damdumdum dumdum se lo scuoti il pulsante clanga perchè s'è rotto l'attormizzatore praclangclang praclangclang pran sul di dietro la vernice cade a spacchi ed il vento fa brillare i cacciacicci vac-chivac-chivac-vac Insieme fanno un Archiplano straordinario dalla linea turbolesta e perforante prahi calè prahi calè olè la tastiera dei comandi è a schermo liquido informale lucida di zarzo penta-biflettente digitale sgisà sgisà sat il portello meccanato rapido spantana e senza il minimo ronzio s'olìa nel mezzo tran tran tran
E l'Archiplano assemblato straordinario cascavola come un chirottero o una palla se in giù va digrignando appicca lo schedario sui capelli invece slitta con un grido di battaglia di ferraglia
E da ultimo inghiotte un razzo centenario
ruttando come un vero faccitalia
ruttando come rutta la plebaglia!

ACCIPICCHIA!

ACCIPICCHIA, CHE SGARGIANTE LA CREATURA VOLPARLANTE DI ARCHIPLANO! MEZZO UCCELLO ALLA DEPERO MEZZO DRONE LEONARDIANO. BLU E ROSSO ROMBA A TERRA, TWITTA IN CIELO COI VOLANTI FUTURISTI, CON LE MACCHINE CONIGLIE CHE FAN FIGLI. INFORNATE DI PAROLE, FILASTROCCHE PITTURATE, STRAMPALATE, NATE STRANE. ARCHIBLENDA! BIOMETALLA! TURBOLESTO, PERFORANTE COME BECCA, COME PICCHIA L'ARCHIPICCHIO DI ARCHIPLANO!

(Franco Canavesio 12 gennaio 2016)


mercoledì 9 febbraio 2011

ZEPA E’ CADUTA

Zepa è caduta
l’ONU l’ha abbandonata
il Senato USA vota la revoca dell’embargo
sui raid aerei nessuna decisione
la Francia schiera la Legione Straniera
venerdì vertice a Londra
il Papa esprime angoscia
cecchinaggio a Sarajevo
sangue sangue sangue
granate serbe sul mercato
altri bambini vittime dei cecchini
Karadzic e Mladic dichiarati criminali di guerra
nessun soldato americano per operazioni di terra
i difensori di Srebenica
radunati dopo la resa
deportati nei lager serbi
spariti
il Papa esprime il proprio dolore
sangue sangue sangue
stupri di ragazze mussulmane
Caschi Blu catturati come ostaggi
l’esercito bosniaco all’offensiva nei dintorni di Sarajevo
i vicini di casa sono diventati i nemici
mezzi blindati sottratti all’UNPROFOR
il governo italiano mette a disposizione
la base aerea di Aviano
esponenti dell’ONU
manifestano perplessità ad intervenire
in una guerra civile
intanto sul fronte bosniaco
fucili da caccia contro carri armati
l’Europa incapace di gestire la crisi
sangue sangue sangue
soldati ONU umiliati
spogliati delle uniformi e malmenati
artiglieria pesante sulle alture intorno a Sarajevo
la strada del monte Igman
s’inoltra per boschi di rara bellezza
Sarajevo è alla fame
interrotto a Ginevra il negoziato
dal Vaticano un monito accorato
sangue sangue sangue
la Croazia pronta ad intervenire
nella battaglia di Bihac
le enclaves mussulmane sotto assedio
a Sarajevo non ci sono più alberi
i paesi islamici manifestano solidarietà ai mussulmani di Bosnia
i bosniaci fuggono lungo i sentieri di montagna
bande di cetnici saccheggiano i villaggi
pulizia etnica
sangue sangue sangue
i convogli umanitari diretti a Tuzla
fermati alla frontiera per motivi inspiegabili
chiuso l’aeroporto di Sarajevo
migliaia di morti dopo la resa di Srebenica
Boutros Ghali tentenna
Akashi accusato di essere filoserbo
gli aerei NATO intervenuti troppo tardi
pantano balcanico
sangue sangue sangue...

Zepa è caduta
l’ONU l’ha abbandonata

Nessun commento:

Posta un commento